martedì, Gennaio 31, 2023
News1899: cancellata dopo una sola stagione

1899: cancellata dopo una sola stagione

Niente da fare per 1899: la serie viene cancellata da Netflix dopo la prima stagione. A darne il triste annuncio su Instagram con tanto di sfondo nero a lutto, è uno dei suoi creatori, Baran bo Odar.

1899 cancellata

Le reazioni dei fan

I fan non l’hanno presa così tanto bene. Tra i commenti su Instagram si leggono principalmente insulti a Netflix. C’è chi rievoca The OA (interessante serie del 2016, cancellata dopo la seconda stagione) che ha subito la stessa sorte. Chi dice che Netflix non riesce a gestire i veri artisti e chi, ancora, dice di aver annullato l’iscrizione ottenendo ben 518 like: si saranno cancellati tutti?

Come per Dark (2017-2020) degli stessi autori, la trama di 1899 non è delle più semplici. È anche questo il motivo della rabbia dei fan: nelle stagioni successive speravano di venire a capo dei miliardi di misteri della storia. I creatori Baran bo Odar e Jantje Friese della serie TV tedesca 1899 (2022) si sono fatti prendere la mano dai mondi paralleli tanto da crearne uno dalla costola di Dark (forse prendendola proprio da Adam), così da far nascere 1899, destinandolo a una morte prematura. Le similitudini tra le due serie sono davvero molte, sia nella narrazione, che nella scelta dell’attore Andreas Pietschmann (interpreta il capitano Eyk Larsen), ma anche la presenza dei portali (questo è stato il più chiaro e lampante dei rimandi a Dark) e non per ultimo il simbolo triangolare (un chiarissimo riferimento alla triquetra).

Trama

La trama di 1899 racconta del viaggio di alcuni migranti sul piroscafo Kerberus, partito dal Vecchio Continente e diretto verso New York, per alcuni di loro si tratta di una fuga dai problemi, una rinascita, la speranza di un futuro migliore. I passeggeri hanno le origini e le storie più disparate, ma qualcosa li accomuna, non sveleremo cosa. Tra questi c’è anche la giovane Dr.ssa Maura Franklin, protagonista forse più degli altri delle vicende. La traversata della nave subisce un arresto improvviso, il capitano Eyk riceve un messaggio con le coordinate della posizione del Prometeus, la nave, della stessa compagnia del Kerberus, scomparsa mesi prima a largo dell’Oceano Atlantico, della quale non si hanno più notizie. La decisione del capitano di cambiare la rotta e di raggiungere il Prometeus, per recuperare l’eventuale equipaggio superstite, viene accettata mal volentieri dal resto dell’equipaggio, tranne che dalla Dr.ssa Franklin.

Il cambio di rotta sarà l’inizio di una serie di domande e di misteri che avvolgeranno come una nebbia fitta tutta la storia e la nave nella prima (e unica) stagione. Lo spettatore riceve in parte delle risposte dagli ultimi episodi, ma una spiegazione completa sulla logica del mondo che è stato creato non ci sarà poiché 1899 è stata cancellata.

1899

La reazione dei detrattori

La trama è anche la ragione per cui alcuni detrattori affermano che la cancellazione sia legittima. Infatti, tra i vari commenti in giro per la rete è possibile leggere persone che definiscono la serie «un caos senza senso» oppure «personaggi scritti male che imitavano Dark».

Insomma, la critica principale è che la serie sia sconclusionata e di qualità mediocre. La sceneggiatura risulta scritta male e la narrazione si dilunga inutilmente, diventando una minestra riscaldata, perché pare la brutta copia del suo predecessore Dark. In altre parole: sarebbe potuta essere più snella, più originale e recitata meglio (i personaggi sembrano perennemente sorpresi e tristi).

Ricordiamoci però anche dei nonni e bisnonni di questo genere di serie, come Lost o Twin Peaks: la spiegazione logica a ogni evento o situazione non arricchisce sempre una serie, anzi, in questi casi, forse, la impoverisce…

… ma se qualcuno avesse capito qualcosa della Loggia Nera, ce lo spieghi subito, per favore.

Qual è la vostra opinione sulla cancellazione di 1899 ? Fatecelo sapere sui nostri canali social, Instagram e Facebook.

POTREBBERO INTERESSARTI

Articoli correlati

POPOLARI

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Ricevi aggiornamenti sui nostri contenuti e le nostre attività. Vuoi davvero perdere qualche articolo?